Desiata (Ania): "Assicurazioni pronte a scendere in campo con le Regioni per ridurre la spesa sanitaria"



Le compagnie di assicurazioni sono pronte a scendere in campo al fianco delle Regioni per ridurre la spesa sanitaria e dividere con loro il rischio. Il presidente dell'Ania, Alfonso Desiata, spiega, durante l'assemblea annuale che "gli assicuratori sono pronti a mettere a disposizione il proprio specifico know-how in termini di capacità di gestione delle risorse e dei rischi e si dichiarano disponibili a seguire, di intesa con le Regioni interessate, la via della sperimentazione di nuovi e diversi modelli, avuto anche riguardo alle esperienze di altri Paesi europei".

Desiata spiega che oggi l'esborso diretto di denaro da parte dei singoli privati per prestazioni sanitarie costituisce oltre un quarto dell'intero onere, per questo è necessario "l'avvio di un processo di integrazione tra pubblico e privato e realizzare così un rigoroso collegamento fra prestazioni e risorse disponibili".

Il presidente dell'Ania ricorda che la Ragioneria generale dello Stato indica che entro il 2050 la spesa sanitaria pubblica, in termini di rapporto con il Pil, salirà del 30%. Sarà quindi più evidente "il problema della compatibilità delle prestazioni garantite - aggiunge Desiata - con le risorse disponibili, soprattutto a fronte di eventi convergenti, quali l'invecchiamento della popolazione, lo sviluppo della scienza medica e il "consumismo" sanitario, inteso non solo nell'accezione negativa di ciò che è superfluo, ma anche nel significato di naturale espressione di una società pervenuta ad un alto livello di benessere".


Fonte : Sole 24ore sanita                                   Torna a News