Fonte:        24Ore Business                                   

Privacy: la FnomCeO si oppone al consenso scritto del paziente per diagnosi e cura



Sì al consenso da parte del paziente prima di diffondere dati per la ricerca che riguardano la sua salute, no al consenso scritto per il trattamento dei dati ai fini diagnostici e per le cure. A prendere posizione è la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, alla vigilia dell'approvazione del regolamento attuativo della legge sulla privacy (n. 675/96).

Al documento, che detterà le linee guida sull'applicazione della normativa già esistente, sta lavorando una commissione che vede riuniti FnomCeO, Garante per la privacy e ministero della Salute.

Il problema, secondo la Federazione, sta negli articoli 11 e 12 che prevedono il consenso scritto del paziente
anche per il trattamento dei dati clinici ai fini diagnostici e della cura. "Non accetteremo mai - afferma il presidente, Giuseppe Del Barone - non accetterà mai che norme burocratiche sulla privacy mettano a rischio la salute dei cittadini".

"Prendiamo l'esempio di un malato di Aids che deve fare un'analisi per un sintomo diverso dalla sua malattia - spiega Nicolino D'Autilia, presidente dell'Ordine dei Medici di Modena e membro della commissione privacy della FnomCeO - . Il medico non può mettere al corrente lo specialista che effettuerà l'analisi senza il consenso del paziente. Questo significa che, qualora il malato negasse questo consenso, l'analista effettuerebbe l'analisi senza avere il quadro clinico completo. Il risultato sarebbe una grave turbativa del rapporto medico paziente".

Il timore della Federazione inoltre è che un apparato troppo complesso blocchi l'iter ospedaliero e danneggi i
cittadini allungando i tempi dei trattamenti. "Si parla di un modulo in tre copie - afferma D'Autila - una per la Asl, una per il medico e una per il paziente tutte affrancate da un bollino. Le stesse istituzioni sono consapevoli del disagio che tutta questa procedura comporterebbe".


 

Fimmg Sezione Web di Taranto  Messo in rete 22.6.2002   -   Torna a news