Fonte:        24Ore Business                       

 Manovra da 1,5 mld di euro: il decreto legge in Consiglio dei ministri

Varrà quasi 1,5 mld di euro su base annua la stangata che il Governo si prepara ad assestare oggi con decreto legge alla spesa farmaceutica. Una gelata che poggerà principalmente sulla ristrutturazione dell'attuale Prontuario. Ma che porterà anche la riduzione del prezzo di rimborso per i farmaci off patent.

Il decreto non prevederà alcun ticket "d'autorità", ha confermato ieri il sottosegretario all'Economia, Giuseppe Vegas. Che ha ribadito anche l'intenzione del Governo di realizzare un sistema sanitario misto pubblico-privato, con incentivi fiscali per i sistemi mutuo-assicurativi.

Capitolo scottante, quello delle assicurazioni-salute (oggetto del prossimo Dpef), che ha subito scatenato le reazioni del Centro-sinistra: «Si decreta la fine del Ssn», ha attaccato l'ex ministro Rosy Bindi. Non vogliamo smantellare alcunché, ha replicato Vegas.

Il provvedimento che sbarcherà in Consiglio dei ministri conferma intanto le anticipazioni dei giorni scorsi. Concedendo fiato alle Regioni in fatto di anticipazioni di cassa, ma evitando al momento di inserire le confezioni "mini" di farmaci. Se varato, il decreto dovrà essere approvato a tambur battente dal Parlamento che si fermerà per la pausa estiva intorno al 7-8 agosto. Il che lascia presupporre anche la volontà di Palazzo Chigi di una blindatura del testo, se sarà varato oggi. Con una spesa farmaceutica che a maggio ha rallentato ancora: le stime indicano una riduzione del 6% su maggio 2001.

I tagli in cantiere. La ristrutturazione del Prontuario dovrà avvenire ogni anno, a partire dal 30 settembre 2002. Sarà affidata alla Cuf, che dovrà seguire il criterio del costo-beneficio dei prodotti abrogando le categorie terapeutiche omogenee per garantire il rispetto dei tetti di spesa. «Riacquisteremo il potere di negoziazione», ha dichiarato il ministro Girolamo Sirchia, escludendo che ci saranno «tagli» nei confronti degli assistiti.

La concedibilità dei farmaci non sarà in sostanza più automatica, ma in Prontuario ci saranno meno "doppioni" a prezzo diverso. I farmaci non "approvati" dalla Cuf, insomma, rischieranno il delisting. A meno che non abbassino i prezzi: esattamente il modello del 1993-94.

Quanto al prezzo di rimborso per i farmaci off patent, dovrà essere tarato sul listino del prodotto equivalente più economico reperibile sul mercato regionale, sia che si tratti di un generico che di una copia. Saranno esclusi soltanto i prodotti con principio attivo coperto da brevetto. Mettendo così a tacere il contenzioso delle industrie che rivendicano anche la "copertura" di un brevetto di processo produttivo.

Tavolo di monitoraggio: rinvio in vista. D'altra parte non mancano segnali di difficoltà sul monitoraggio della spesa sanitaria 2001. La riunione finale del tavolo, previsto per il 4 luglio, è infatti destinata a essere spostata: forse intorno al 10 luglio, se non qualche giorno più avanti.

Dai check tra Economia e Regioni dei giorni scorsi, infatti, sono emerse diverse difficoltà. Legate soprattutto alla richiesta di via XX settembre di fare chiarezza nelle manovre (e nei relativi conti) presentate da diverse Regioni per dimostrare di essere rientrate dei disavanzi sanitari a proprio carico. Manovre che, invece, sono considerate o "fantasiose" o troppo diluite negli anni.

L'Economia deve decidere se accettare o meno i conti di alcuni governatori (tutti, tranne un caso, del Centro-Sud), ma, in caso positivo, si troverebbe davanti l'irrigidimento delle Regioni in regola, che avanzerebbero nel futuro il proprio diritto a fare altrettanto. Nel 2002, d'altra parte, è dato per certo un nuovo disavanzo stimato tra 2,6 mld di euro (fonte regionale) e 4 mld di euro (fonte Governo). Mentre nel 2001, ha detto ieri Vegas in Senato, l'extradeficit si attesta a 4,39 mld di euro, con manovre locali e altre misure nazionali che intanto avrebbero prodotto risparmi per 1,97 mld di euro.
(28 giugno 2002)

 

Fimmg Sezione Web di Taranto  Messo in rete 28.6.2002   -   Torna a news