Nasce la rete per la farmacovigilanza


Sulla base di una recente convenzione tra il Ministero della salute e i sindacati medici, sara' messa in opera una rete telematica finalizzata alla farmacovigilianza e alla formazione a distanza dei medici di famiglia che parteciperanno al progetto. La prima fase di attuazione prevede il coinvolgimento di 10.000 medici di famiglia. Le informazioni raccolte riguarderanno per lo piu' le reazioni e i fenomeni di criticita' riscontrati nell'uso dei farmaci.
Le informazioni andranno a costituire un archivio a disposizione di tutti i referenti della farmacovigilanza: operatori, aziende sanitarie, ospedali e industrie farmaceutiche.
Il Ministero potrebbe avvalersi delle reti telematiche che negli ultini tempi sono state promosse dai vari sindacati medici. Al momento quelle che appaiono in grado di entrare nel progetto sono tre: Q-Channel, Datamat e Isemform.