Fonte:        24Ore Business                                          

Il presidente di un sindacato 'di palazzo' appartenente al Medio Evo della storia". Così il segretario generale della Federazione italiana medici di famiglia (Fimmg), Mario Falconi, definisce il presidente del Sindacato nazionale autonomo medici italiani (Snami) e dell'Ordine dei medici della Provincia di Milano, Roberto Anzalone. Ad accendere la miccia, l'annuncio di ieri dello Snami di essersi rivolto a un legale per chiedere a ministero della Salute e all'Antitrust di indagare su una campagna stampa contro l'acidità di stomaco. Un messaggio firmato Fimmg e Simef (Societá italiana medicina di famiglia), che secondo il sindacato autonomo "non può non essere qualificato come pubblicitario".

Oggi, in unanota, la replica di Falconi, che senza mezzi termini attacca il collega ritenendo la sua denuncia "stupefacente". Come "stupefacente" è la continua presa di posizione dello stesso Anzalone: sempre pronto, dice Falconi, a criticare la Fimmg e a difendere il ministro Sirchia.

Secondo Falconi, lo spot che Anzalone giudica "pubblicitá occulta" può invece considerarsi "una 'pubblicitá-progresso' se riuscirá a far sì che si curino in maniera adeguata il maggior numero possibile di soggetti affetti da esofagite da reflusso". Tanto più che "tale patologia non si cura solo con i farmaci"; e comunque "questi ultimi sono alcune decine, prodotti da molte industrie farmaceutiche". Sulla campagna, il numero uno della Fimmg conclude dicendo: "Continuerò a pregare perché il dottor Anzalone la smetta di produrre quasi esclusivamente
atti contro qualcuno o qualcosa, e in particolare contro la Fimmg, collaborando invece con noi per migliorare qualitativamente il nostro grande e comune Paese".

Archiviato il caso spot, però, restano antichi rancori. Falconi ricorda infatti come "per ben due volte negli ultimi mesi Anzalone abbia difeso pubblicamente il ministro della Salute". La prima, quando Sirchia proponeva che gli studi medici rimanessero aperti, in forma sia singola sia associata, 12 ore al giorno per 365 giorni all'anno. La seconda al congresso nazionale Fimmg di novembre, quando Anzalone chiese che i medici deputati a redigere la cronaca dei lavori venissero valutati ed eventualemente inquisiti dall'Ordinedei medici di Torino e dalla Federazione nazionale degli Ordini per aver criticato in forma deontologicamente scorretta l'intervento di Sirchia.


 

 

Fimmg Sezione Web di Taranto  Messo in rete  26.11.2002   -   Torna a news