Poco fumo nuoce tanto

Alle donne bastano quattro sigarette al giorno per danneggiare il cuore

Fumare fa male, anche se si fuma poco e non si aspira. Lo dimostrano, smentendo opinioni diffuse, i dati emersi nel corso del Copenaghen City Heart Study, una ricerca condotta su un ampio numero di persone, campione rappresentativo degli abitanti della capitale danese. Nel 1976 l'équipe dell'epidemiologa Eva Prescott, dell'Istituto di medicina preventiva del Kommunehospitalet di Copenaghen, ha registrato con minuzia le abitudini relative al fumo di 12.000 soggetti di età superiore ai 30 anni, nella presunzione che, passata la trentina, le abitudini di ciascuno siano ormai radicate e poco soggette a mutamenti e capricci.

Ventidue anni più tardi, Prescott è andata a vedere quanti dei 12.000 soggetti censiti erano vivi e vegeti, quanti erano morti per un qualsiasi motivo e quanti dei vivi erano stati colpiti da infarto del miocardio. L'epidemiologa danese ha quindi verificato, rispetto a questi esiti, se e in quale misura i soggetti mai attratti dal fumo avessero avuto un destino migliore dei fumatori, e come se la cavassero, fra questi ultimi, una serie di sottogruppi.

Al termine del lavoro, gli epidemiologi di Copenaghen hanno accertato alcuni fatti essenziali. La morte e l'infarto, com'è arcinoto, colpiscono più i fumatori dei non fumatori e lo fanno in modo rigorosamente proporzionale alla quantità di fumo assorbito. La differenza diventa statisticamente significativa a livello di tre-cinque sigarette al dì per le donne e di sei-nove per gli uomini. Non inalare il fumo di sigaretta, ovvero dedicarsi ai sigari o alla pipa, equivale a fumare un po' meno, ma non cambia la sostanza dell'intossicazione. Per fare qualche esempio numerico: le donne aumentano decisamente la probabilità d'avere un infarto, o di morire, se fumano più di tre sigarette al giorno aspirando o più di sei senza inalare. Gli uomini sembrano un po' più resistenti, ma la differenza fra i sessi è solo di dettaglio. Per finire, non è vero che altri studi hanno dimostrato che fumare poco può essere innocuo: il famoso Nurses' Health Study sulle infermiere statunitensi, in particolare, ha ottenuto risultati identici a quelli di Copenaghen.

 

 

Da Tempo Medico:Fimmg Sezione Web di Taranto  Messo in rete  17.10.2002   -   Torna a news