Fonte:        24Ore Business                                          

 

Fumo: la Corte Ue respinge il ricorso delle aziende e conferma il giro di vite



La Corte di giustizia europea ha dato ragione all'Ue e torto alle grandi aziende produttrici di tabacco: resteranno in vigore le norme restrittive, introdotte da Bruxelles, sulle etichettature delle sigarette.

E' confermato dunque, tra l'altro, il divieto di utilizzare termini quali "light" o "mild" sui pacchetti di sigarette in vendita in tutta l'Unione europea. Resta valido anche l'obbligo di apporre avvisi sui rischi per la salute legati al fumo, che coprano una superficie del 30 per cento del fronte e del 40% del retro del pacchetto.

 

Fimmg Sezione Web di Taranto  Messo in rete  10.12.2002   -   Torna a news