05/12/2003   News from The Net    .
 
 

  • Vietnam: dov’è finita la libertà di parola?
  • Liu Di libera
  • Falsi weblog
  • Splitter Trust: telefono e Internet senza interferenze
  • Demian5
.
 
.
 
 

Vietnam: dov’è finita la libertà di parola?

Amnesty International accusa il governo del Vietnam di violare la libertà d’espressione dei cittadini vietnamiti nascondendosi dietro le leggi in materia di sicurezza nazionale. In un paese in cui circa 2,5 milioni di persone utilizzano internet e dove ci sono dai 4000 ai 5000 cybercafè, la rete è divenuta un luogo dove esprimere le proprie opinioni politiche, un mezzo per scambiare informazioni con chi si trova all’estero, una voce per opporsi pacificamente alle ingiustizie o alle scelte di governo. Posta elettronica, forum di discussione e siti internet, confrontando informazioni e proposte, potrebbero fungere da veicolo di una riforma politica pacifica. Purtroppo non la pensa così il governo vietnamita che, servendosi di una legislazione poco chiara in materia di sicurezza nazionale, oltre a bloccare alcuni siti, può rintracciare e seguire le tracce elettroniche degli in ternauti che magari hanno solo inviato una mail in cui esprimevano il proprio pensiero politico. Non solo, i gestori dei cybercafè sono costretti a vietare ai propri avventori la navigazione in determinati siti, accusati di propagare informazioni sovversive. Una legge lacunosa e imprecisa è l’arma grazie a cui il diritto alla libertà d’espressione, di riunione pacifica, d’informazione vengono sistematicamente negati. Se ad essere minacciata è la libertà nel mondo virtuale, le conseguenze sono molto reali. Un semplice appello a delle riforme politiche viene punito con lunghe detenzioni in carcere. Negli ultimi due anni sei dissidenti politici sono stati imprigionati e 4 sono tuttora in attesa di giudizio; l’accusa è quella di aver commesso dei reati legati alla diffusione in rete di punti di vista critici nei confronti della politica vietnamita. Un esempio per tutti: Le Chi Quang, professore d’informatica. Il giovane è stato arrestato n el febbraio 2002 con l’accusa di aver diffuso nella rete degli articoli in cui veniva criticata la politica del governo per ciò che riguarda diritti umani, democrazia e rapporti con l’estero. Nel novembre dello stesso anno è stato condannato a 4 anni di prigione e a 3 di arresti domiciliari. Ad aggravare la situazione di Le Chi Quang concorre anche una malattia renale cronica che è andata peggiorando dopo l’incarcerazione. Amensty International chiede la liberazione di tutti i detenuti per questo tipo di reato e la cancellazione delle restrizioni alla libertà d’espressione. Tutti possono sostenere quest’iniziativa inviando al Primo Ministro vietnamita la lettera che si trova all’indirizzo: http://web.amnesty.org/pages/vnm-261103-action-eng

www.amnesty.org 


Liu Di libera

Un gruppo di difesa dei diritti dell’uomo ha annunciato che venerdì scorso Liu Di, una cyber dissidente cinese, è stata liberata dopo quasi un anno di prigione. La giovane 23enne era stata arrestata nel novembre 2002 a causa dei suoi pamphlets contro il Partito Comunista al potere e a causa dei suoi interventi nei forum di discussione in cui chiedeva la liberazione di altri cyber dissidenti. Liu Di, che si firmava “sorriso di acciaio temperato”, è divenuta un simbolo della lotta per la democrazia e molte sono state le iniziative a sostegno della sua scarcerazione. Alla fine, ad una settimana dalla visita negli Stati Uniti del Primo Ministro cinese, Wen Jiabao, la ragazza è stata scarcerata insieme ad altri due internauti dissidenti Wu Yiran e Li Yibin. Liu Di era detenuta nel carcere di Qincheng, a Pechino, senza che fosse mai stata incolpata formalmente. La polizia ha fatto di tutt o affinché la ragazza venisse accusata di attività sovversive ma, in mancanza di prove sufficienti, la Procura ha rifiutato l’accusa. Una vittoria importante ma che purtroppo è solo l’inizio di un lungo percorso per ottenere la liberazione di altre persone incarcerate – due delle quali accusate di aver organizzato una petizione in rete a favore di Liu Di – Senza dimenticare che l’obiettivo finale è riuscire a salvaguardare il diritto alla libertà di opinione e di espressione, un diritto spesso calpestato e negato in molti paesi del mondo.


Falsi weblog

Attenzione: non tutti i weblog sono… tali! Qualche mente truffaldina ha

pensato bene di nascondersi dietro l’apparenza di un innocente diario on line per dirottare gli utenti verso siti pornografici. Tutto ciò è stato possibile sfruttando una caratteristica tipica dei weblog, cioè sfruttando il fatto che questi creano legami tra loro, ottenendo una miglior “classificazione” nei risultati delle ricerche di Google – Google infatti classifica i suoi risultati in base alla popolarità dei siti e in base al numero di link che portano ai siti stessi – A metà novembre molti weblog sono stati letteralmente presi d’assalto da nuovi siti, anch’essi della stessa natura dei primi. Il flusso un po’ troppo consistente ha insospettito molti weblogger che, incuriositi, hanno condotto qualche piccola indagine. Le ricerche hanno portato a scoprire che tutti i nuovi weblog avevano lo stess o dominio e che provenivano tutti dallo stesso indirizzo IP. Da qui il passo successivo è stato scoprire che i weblog contenevano un link invisibile allo stesso sito pornografico. La reazione dei weblogger è stata rapidissima e, poiché questi siti si appoggiavano al server dell’Università di Bucarest, uno di loro ha immediatamente scritto all’università mettendola in guardia. Risultato: nel giro di un’ora i siti erano stati messi off line.


Splitter Trust: telefono e Internet senza interferenze

Eliminare i rumori di fondo per usare simultaneamente
la linea telefonica e la connessione ADSL a Internet.
Oggi è possibile grazie a uno splitter
che filtra le interferenze. Basta applicarlo al
centralino o alla presa telefonica se si ha un apparecchio
tradizionale. In questo modo è possibile utilizzare il
telefono per le conversazioni e la connessione ADSL
per la navigazione.
Il Trust 120 SpeedLink ADSL può essere utilizzato con
linee telefoniche analogiche dotate di connettore RJ-11.
Il costo? Solo 14,95 euro.


Demian5

Uno strano principe d’Egitto con qualche problema riguardo la propria sessualità e un improbabile incrocio tra un cammello ed una giraffa? “When I am King”! Stravaganze fumettose per appassionati e non. Su Demian5 avrete la possibilità di scorrere delle vere e proprie strisce… con molta pazienza però, perché vi dovrete servire della barra di scorrimento. Purtroppo solo le disavventure del principe sono visibili gratuitamente, se sarete tentati da “La verità circa gli elefanti” o dalle avventure degli altri strampalati fumetti dovrete pagare 3 dollari all’anno. Da vedere: divertenti le storie e bello il disegno.

www.demian5.com