Alzheimer: individuata la variante di un gene che triplica il rischio di ammalarsi

Scoperta una variante del gene CYP46, che aumenta, fino a triplicarlo, il rischio di ammalarsi del morbo di Alzheimer. Lo studio, condotto da un ricercatore dell'Universitá di Zurigo, è pubblicato sull'ultimo numero degli "Annals of Neurology". Il gene, noto dal '98, regola il metabolismo del colesterolo nel cervello. Un suo cattivo funzionamento può portare alla formazione delle "placche" individuate nel cervello dei malati di Alzheimer.

La variante scoperta da Andreas Papassotiropoulos si può trovare anche in soggetti sani, ma, spiega il ricercatore, "è più frequente nei pazienti con questa patologia". La ricerca ha esaminato il Dna di centinaia di persone, sia malate che sane, in Svizzera, Italia e Grecia.

E' emerso che la variante del gene CYP46 aumenta il rischio di demenza senile. E questo rischio si moltiplica inpresenza anche di anomalie dell'APOE4, un altro gene da tempo sospettato fra i responsabili dell'insorgere dell'Alzheimer.

Secondo lo studio, dunque, il metabolismo del colesterolo nel cervello ha un ruolo centrale nel favorire questa malattia. "I meccanismi che regolano simili disfunzioni sono tuttavia ancora sconosciuti", precisa Papassotiropoulos, invitando però alla cautela: "Un alto tasso di colesterolo non implica automaticamente un maggiore rischio ammalarsi. La ricerca sui farmaci già conosciuti per ridurre il colesterolo potrebbe dare risultati anche per la cura dell'Alzheimer".

messo in rete il 22.01.2003 da Fimmg sezione web di Taranto  ad indice  News