Puglia: obbligazioni per coprire i deficit sanitari

Per la copertura dei deficit sanitari passati, la Regione Puglia debutta sul mercato internazionale dei capitali con il lancio, oggi, di un prestito obbligazionario di 600 milioni di euro.

L' operazione risulta inoltre funzionale perchè lo Stato eroghi la quota residua a proprio carico per altri 500 milioni di euro circa e per lo smobilizzo di altre poste sanitarie per circa duecento milioni.

L' emissione strutturata con scadenza ventennale, rimborso in unica soluzione alla scadenza ('bullet') e tasso variabile pari ad Euribor 6 mesi + 0.40% di spread, corrispondente oggi al 3.14%, ha ricevuto il parere favorevole dal Cicr - Comitato Interministeriale per il Credito e Risparmio - e la conferma del rating A2 da parte di Moody's.

Il prestito è stato collocato da Merrill Lynch in qualità di Lead Manager con il supporto di diverse banche italiane ed estere: Mps Finance, Ahbr, Banca Opi, Bnl, Depfa Bank e Lehman.Merrill Lynch ha sottolineato l' apprezzamento da parte degli investitori istituzionali per la Regione Puglia, new entry sul mercato obbligazionario, e  ritiene di poter fare della Regione e vero e proprio case study.

L' emissionei del prestito obbligazionario  «permette alla Regione di chiudere una partita così impegnativa per il bilancio regionale, quale quella dei deficit sanitari». Così il presidente della Regione Puglia, Raffaele Fitto, commenta l'operazione .   «L'ingresso nel mercato dei capitali - dice Fitto - centra due obiettivi: raccogliere provvista a condizioni vantaggiose e contribuire alla promozione della Regione Puglia nel contesto internazionale».

L'emissione del prestito è stata preceduta da un giro promozionale, il cosiddetto road-show, sulle principali piazze finanziarie europee. La delegazione regionale, composta dall'assessore al Bilancio, Rocco Palese, e dal direttore della Ragioneria, Luciano Barnaba, accompagnata dai responsabili della Merrill Lynch, ha toccato nei giorni tra il 20 e 24 gennaio scorso Roma, Francoforte, Dublino e Londra.
 

Dalla capitale del Regno Unito, in conferenza telefonica con Bari, i titoli della Regione Puglia sono stati ufficialmente lanciati sul mercato dei capitali. Tutti gli investitori incontrati, a cui la delegazione regionale e quella di Merrill Lynch hanno preliminarmente illustrato le caratteristiche economiche, politico-amministrative e i risultati finanziari conseguiti dalla Puglia, hanno mostrato particolare interesse per il credito della Regione, per il processo di risanamento portato avanti in questi anni e per la qualità del management.
 
Anche l'assessore Palese ha espresso la propria soddisfazione  per l'esito dell'operazione che «consente a questa amministrazione - ha spiegato - di completare definitivamente il processo di risanamento della Regione ricevendo la convinta adesione di primari investitori istituzionali internazionali sulla bontà del merito di credito della Puglia».

«La scelta di emettere ad inizio 2003 - ha aggiunto - evitando l'affollamento di emissioni e la staticità del mercato
di fine anno, ci ha permesso di beneficiare di condizioni molto competitive».

messo in rete il 24.01.2003 da Fimmg sezione web di Taranto  ad indice  News