27/05/2003 14.57
Sirchia: cinque priorità per trasformare la Sanità


Informatizzazione del sistema e riordino del nomenclatore tariffario e dei Drg; comunicazione istituzionale per informazioni corrette al pubblico sui grandi temi della salute; fondo integrativo e centrali per la non autosufficienza; rimodernamento di strutture e attrezzature e, infine, definizione dei centri d'eccellenza e degli standard di qualitá. «Queste le cinque prioritá, giá condivise con le Regioni, per trasformare la sanitá italiana, e portare le amministrazioni da burocratiche a imprenditoriali seguendo l'esempio dell'ex presidente americano Bill Clinton». Lo ha detto il ministro della Salute, Girolamo Sirchia, intervenendo a margine del seminario sull'
Alzheimer appena concluso oggi a Roma.

Per l'informatizzazione sará destinato un finanziamento di 200 miliardi di vecchie lire. «In generale spero - ha aggiunto il ministro - che dei tremila miliardi di vecchie lire l'anno finalizzate al Piano sanitario nazionale, almeno la metá sia destinata a questi punti». Obiettivi ambiziosi, per i quali occorre «poca polemica e tanto lavoro». Ma soprattutto «la capacitá di attirare capitali privati, seguendo modelli di cooperazione giá approntati ad esempio in Toscana, dove il 25% dei fondi per la ristrutturazione provengono dai privati».