By 24ore Sanita'

Assemblea Oms a Ginevra: "Ci saranno altre epidemie come la Sars. Urge più collaborazione tra gli Stati"
 


Il mondo non è adeguatamente preparato a fronteggiare nuove malattie killer come la Sars. E' questo il poco rassicurante messaggio lanciato dagli esperti dell'Organizzazione mondiale della Sanitá che, durante l'assemblea annunale dei 192 Stati membri a Ginevra, invitano i Governi dei diversi Paesi a una maggiore collaborazione per non farsi trovare impreparati dai nuovi virus, "una minaccia inevitabile".

"Ci saranno altre epidemie come la Sars - sottolinea David Heymann, responsabile dell'Unitá di malattie infettive
dell'Oms -. Siamo costretti a fare di più. Il pericolo maggiore è una nuova pandemia di influenza letale, come quella di Spagnola che nel 1919 uccise 40 milioni di persone nel mondo".

Secondo gli esperti dell'Oms, il bilancio dei morti per Sars, circa 600, sarebbe stato ben più pesante se si fosse trattato di influenza. "La buona notizia è proprio questa - afferma Guenael Rodier, direttore della Sorveglianza sulla malattie infettive - perché l'influenza si diffonde di più e più velocemente".

Un quadro preoccupante, che rende necessaria una "grande collaborazione" fra gli Stati per combattere
la diffusione di virus letali, raccomanda il direttore generale dell'Oms, Gro Harlem Brundtland. "Non è mai stato
evidente come oggi - ha detto all'assemblea - che un futuro sicuro e in salute per tutti noi dipende dalla cooperazione fra gli Stati, senza confini. Altrimenti, gli sforzi dei singoli Paesi non serviranno".