Tempo Medico on Line 

Basta la D per rinsaldare l'osso

La vitamina riduce le fratture osteoporotiche

Basterebbe una capsula di vitamina D3 ogni quattro mesi per tenere lontano il rischio di fratture negli anziani. L'assunzione del supplemento di calciferolo, proseguita per cinque anni, sembra ridurre sia l'incidenza complessiva di fratture sia, in modo ancor pi¨ marcato, quella delle fratture in zone abitualmente colpite dall'osteoporosi, senza provocare effetti avversi rilevanti.

Lo studio, realizzato in collaborazione dai geriatri della Scuola di medicina clinica dell'UniversitÓ di Cambridge e dagli epidemiologi dell'UniversitÓ di Oxford, Ŕ stato condotto in doppio cieco su circa 2.700 uomini e donne fra i 65 e gli 85 anni, reclutati dalla popolazione generale attraverso registri medici. I partecipanti sono stati assegnati a caso a uno dei due gruppi di trattamento: il primo assumeva ogni quattro mesi 100.000 UI di vitamina D3, il secondo un placebo.

Nel quinquennio dello studio circa 270 persone hanno riportato una frattura, che in oltre la metÓ dei casi riguardava una sede colpita d'abitudine dall'osteoporosi: l'anca, il polso o l'avambraccio, le vertebre. Il rischio relativo di incorrere una qualsiasi frattura per i pazienti in terapia con la vitamina rispetto a quelli che assumevano il placebo Ŕ stato inferiore del 22 per cento, e per le fratture nelle sedi tipiche dell'osteoporosi il calo Ŕ stato del 33 per cento. In chi aveva assunto la vitamina, inoltre, il rischio complessivo di morte Ŕ stato leggermente inferiore rispetto ai controlli, pur senza che la differenza assumesse rilievo statistico.

"I risultati sono simili a quelli ottenuti in precedenza con la somministrazione giornaliera di vitamina D in associazione al calcio" commenta Kay Tee Khaw, coordinatore della ricerca. "mentre non era stato ancora dimostrato il ruolo preventivo del solo apporto supplementare della vitamina"

puntualizza il ricercatore. "Certo, prima di proporre interventi su ampie fasce della popolazione saranno necessarie ulteriori verifiche, ma senza dubbio l'efficacia, la sicurezza e il basso costo (meno di una sterlina all'anno) di una terapia con vitamina D3 ne fanno un candidato ideale per la prevenzione delle fratture negli anziani".

di Annalisa Miglioranzi - Tempo Medico n. 764

26 April 2003

Fonte: Brit.Med.J. 2003; 320: 469 (e-mail: kk101@medschl.cam.ac.uk)