in questo numero:
Primo piano
Fism, medici strategici per le aziende sanitarie
"Per gestire meglio la sanità, nell'interesse del paziente, occorre condividere con i medici la destinazione delle risorse"
"L'apporto dell'esperienza professionale medica - sostiene il Professor Gino Luporini, Presidente della FISM, (Federazione delle Società Medico Scientifiche Italiane) - deve essere messa a frutto nelle scelte strategiche delle Aziende Sanitarie, va previsto il confronto obbligatorio con i medici sugli investimenti e non l'imposizione di budget non condivisi. Il budget di tipo puramente economico sta avviando anche il pubblico verso scelte di bilancio

In molte Regioni, infatti, la pur opportuna sollecitazione nei confronti del medico dirigente a dotarsi anche di una cultura manageriale  è troppo spesso risultata circoscritta alla sola gestione dei meccanismi economici che regolano gli ospedali. FISM, che rappresenta la maggior parte (oltre 160) delle società medico - scientifiche presenti a livello nazionale,  ha invece sempre sostenuto che la gestione clinica, se ben progettata da medici professionalmente esperti, porta ad un miglior trattamento del paziente, a costi inferiori, con soddisfazione degli operatori e dei cittadini e che, il ruolo centrale del medico, la corretta dotazione di fondi, la programmazione nazionale-regionale coordinate, sono gli obiettivi da raggiungere nei tempi più brevi possibili.
Sanità
Inail
Snami: nessuna trattativa in corso
In riferimento a voci riguardanti una presunta trattativa con l'INAIL per l'accordo tra OO.SS. dei medici di famiglia  e l'INAIL stesso, lo SNAMI comunica che, per quanto lo riguarda, non è in corso alcuna trattativa, per altro sollecitata solo da INAIL. "Come a tutti è noto, - spiega una nota del sindacato - sono in corso le trattative nazionali per il rinnovo dell'A.C.N. per le Medicina Generale. Solo al termine di questi ultimi negoziati si valuterà l'opportunità di trattare l'argomento in oggetto"
Medicina di famiglia
UTAP: incontro con il Ministro
Si è svolta il 3 marzo una riunione a Roma tra il Ministro della Salute Girolamo Sirchia e Roberto Anzalone, Presidente SNAMI. Presenti anche rappresentanti sindacali e delle regioni con a capo il dr. Covolo, presidente SISAC.  Si è discusso a lungo di associazionismo, argomento che però sottendeva le famigerate UTAP. Un comunicato dello Snami precisa che Roberto Anzalone ha ribadito che le UTAP devono avere caratteristiche di volontarietà e sperimentalità e solo in particolari realtà locali, affermando che non devono e non possono essere imposte per obbligo.  Anzalone ha inoltre sottolineato come l'attività del MMG sia incompatibile con un servizio di 24 ore rappresentato dalle UTAP.
Una nota di colore: al termine della riunione il Ministro Sirchia ha definito Roberto Anzalone come antagonista leale ma "fermo".  Il Dr Covolo ha aggiunto scherzosamente "...rinuncio a far cambiare idea al dott. Anzalone sulle UTAP...".
Friuli
Terapia del dolore, farmaci gratuiti
Da aprile, i farmaci contro il dolore saranno gratuiti per i cittadini residenti o domiciliati nel Friuli-Venezia Giulia affetti da patologie neoplastiche o degenerative. Lo ha deciso la Giunta Regionale su proposta dell'Assessore alla Salute, Gianni Pecol Cominotto. ''Nel Piano sanitario 2003-2005 - ricorda l'assessore - si indica in maniera esplicita la necessita' di un intervento regionale nel campo delle cure palliative, poiche' in Italia vi e' un forte sottoutilizzo dei medicinali per la terapia del dolore''. Con la delibera viene dunque autorizzata, in via sperimentale, la prescrizione a carico del Servizio sanitario regionale di alcuni farmaci (in particolare a base di tramadolo cloridato e di associazioni fra paracetamolo e codeina), attualmente classificati dalla Commissione unica a totale carico dell'assistito, per quei pazienti che sono affetti da ''dolore severo''. Saranno gratuite anche alcune preparazioni galeniche, qualora i medicinali preconfezionati non siano adeguati a coprire alcune esigenze specifiche (per esempio dosaggi pediatrici o per pazienti con difficolta' a deglutire).
Industria
Aventis ribadisce il "no" all'opa di Sanofi
Il gruppo farmaceutico Aventis ribadisce la sua contrarieta' all'Opa lanciata da Sanofi-Synthelabo e chiama i suoi azionisti ad non cedere i titoli al suo concorrente spiegando che ''l'offerta non e' negli interessi degli azionisti di Aventis e dei suoi dipendenti''. Questa offerta, spiega Aventis in un comunicato, ''sottovalutata dalla societa' e' di un'interesse strategico limitato e presenta dei rischi significativi e comportera' numerosi licenziamenti'' in Francia e in Germania sottolinea il presidente del gruppo Igor Landau.
Scienza
Chirurgia
Sollevamento della parete addominale utile durante colecistectomia laparoscopica
Il sollevamento della parete addominale (AWL) può evitare la caduta nella gittata cardiaca associata con il captoperitoneo a pressione positiva (PPCpn) durante la colecistectomia laparoscopica. L'AWL è stato proposto come alternativa al PPCpn allo scopo di evitare variazioni dannose nell'attività cardiorespiratoria, ma il campo di lavoro che si ottiene mediante AWL è meno ottimale di quello ottenuto con PPCpn, e precedenti studi che avevano documentato una dilazione nel recupero della coscienza dopo PPCpn non avevano valutato lo stato di attenzione mentale nonostante la sua importanza. L'AWL accelera il recupero della funzionalità cognitiva dopo l'intervento, oltre a preservare la funzionalità cardiorespiratoria, ma aumenta la difficoltà di esecuzione dell'intervento stesso. (Ann Surg. 2004;239:388-394)
Medicina Interna
Nuovo metodo di diagnosi per infezioni veicolate dal sangue correlate al catetere
Le infezioni a diffusione ematica correlate al catetere sono associate a morbidità e mortalità riconosciute. Un'accurata diagnosi di queste infezioni risulta in una corretta gestione del paziente e nella riduzione delle rimozioni del catetere non necessarie. Le batteriemie dovute al catetere sono più spesso dovute a stafilococchi, e meno spesso sono correlate a malignità ematiche sottostanti, neutropenia e ricovero più prolungato. Come strumento diagnostico di batteriemia legata al catetere, una positività differita temporalmente di 120 minuti è associata all'81% di sensibilità ed al 92% di specificità per i cateteri a breve termine ed al 93% di sensibilità ed al 75% di specificità per quelli a lungo termine. (Ann Intern Med vol. 140; 1: 18-25)
Medicina Interna
Terapia del dolore: ziconotide efficace nei casi di dolore refrattario
Lo ziconotide (ex SNX-111) blocca selettivamente i canali del calcio di tipo N voltaggio-sensibili, e può essere efficace nei pazienti con dolore refrattario alla terapia con oppioidi, oppure per coloro in cui la terapia con oppioidi ha determinato effetti collaterali intollerabili. La somministrazione di ziconotide per via intratecale è in grado di produrre un'analgesia significativa sia a livello clinico che a livello statistico in questi pazienti, che in genere sono affetti da tumori maligni o da AIDS. Nella fase di mantenimento il farmaco non fa registrare cali di efficacia, e conduce ad un sollievo dal dolore da moderato a completo nel 52,9% dei pazienti. Nel complesso, il quantitativo di pazienti che risponde alla terapia ammonta quasi al 50%. (JAMA. 2004;291:63-70)
Emergenze medico-chirurgiche
Resuscitazione cardiopolmonare extraospedaliera: vasopressina o epinefrina?
La vasopressina rappresenta un'alternativa all'epinefrina nella terapia vasopressoria in corso di resuscitazione cardiopolmonare, ma l'esperienza clinica effettuata con questo trattamento è stata finora limitata. Gli effetti della vasopressina sono simili a quelli dell'epinefrina nella gestione della fibrillazione ventricolare e dell'attività elettrica "pulseless", ma la vasopressina si dimostra superiore all'epinefrina nei pazienti asistolici. Nel trattamento dell'arresto cardiaco refrattario, poi, la somministrazione di vasopressina seguita da epinefrina può rivelarsi più efficace della sola somministrazione di epinefrina. (N Engl J Med vol. 350; 2: 105-113)
Oncologia
Tumore colorettale: dopo la resezione screening intensivo o standard?
Basandosi sui dati attualmente disponibili e sui costi attuali, dopo la resezione curativa di un tumore colorettale un follow-up intensivo è economicamente giustificato e dovrebbe costituire la prassi comune. Vi è una continua necessità di valutare l'efficacia di specifici strumenti di sorveglianza: il presente studio forma le basi per le valutazioni economiche in queste investigazioni. Il principale fattore predittivo di incremento nei rapporti costo/beneficio era costituito dai costi della sorveglianza piuttosto che da quelli del trattamento. Complessivamente, inoltre, un protocollo di follow-up basato su 5 trials porta ad un aumento della sopravvivenza di 0,73 anni, mentre uno basato su 4 trial porta ad un aumento di 0,82 anni. (BMJ  2004;328:81)
Approfondimenti della settimana
IMA: oltre l`evidenza Dopo un infarto la claudicatio ha valore predittivo sul rischio di morte, specie se confermato da certi marker biochimici.

Farmaci uniti contro l`artriteMolto efficaci ma non su tutti i pazienti: anche i farmaci biologici sono imperfetti? Se lo chiede un editoriale di Lancet.

Ormoni discutibili Da Firenze una parziale riabilitazione della terapia ormonale sostitutiva. E qualche polemica verso gli studi più recenti.

Strumenti di counseling

Salute: femminile, singolare
La Festa della Donna ha anche una chiave di lettura "medica". Le specificità femminili, infatti, si riflettono nella difesa della salute. Ad ogni età il suo check-up, e i giusti obiettivi. Smentendo alcuni luoghi comuni. Per esempio, non sempre dimagrire paga.