del 26 settembre 2003

in questo numero:
Primo piano
Medici disabili esonerati dall'Ecm
Sono in studio percorsi di autoformazione che consentiranno di acquisire crediti autocertificati
Gli operatori sanitari portatori di handicap sono esonerati dall'obbligo formativo per gli anni 2002 e 2003. Lo ha deciso la Commissione Nazionale per la Formazione continua che, accogliendo l'invito del sottosegretario alla Salute Antonio Guidi, ha stabilito di esonerare gli operatori disabili dall'obbligo di acquisire crediti formativi, fino a quando i 'punti' saranno ottenibili soltanto partecipando a eventi e progetti residenziali. Guidi aveva posto all'attenzione della Commissione la necessita' di individuare percorsi di formazione alternativi, adeguati alle specifiche situazioni degli operatori portatori di handicap. A breve, dunque, sara' avviato un programma sperimentale di formazione a distanza, per raggiungere a casa l'operatore. Sono inoltre allo studio percorsi di autoformazione che consentiranno, a loro volta, di acquisire crediti autocertificati. ''E' un forte passo in avanti nel superamento di una difficile barriera, che consentira' una formazione possibile, senza discriminazioni'', ha commentato Guidi elogiando la Commissione per la ''sensibilita' dimostrata''.
Sanità
Finanziaria
Federgenerici, no a misure che penalizzano settore
Continuano a rincorrersi con insistenza le voci di un inserimento in Finanziaria di norme penalizzanti per l'intero settore farmaceutico. Tra queste l'obbligo per tutta la filiera (industrie, grossisti e farmacie) di ripianare eventuali sforamenti di spesa. Una misura che colpirebbe in maniera indiscriminata tutti gli operatori del comparto senza incidere sulla struttura del sistema. E' quanto afferma, in una nota, la Federgenerici, commentando le possibili misure previste dalla Finanziaria 2004. ''Esistono altre misure di natura strutturale - affermano i produttori di generici - quale il taglio dei certificati di protezione complementare in grado di incidere in maniera permanente sulla struttura e favorire piu' velocemente l'ingresso dei piu' economici farmaci generici".

Fecondazione
Giovanardi, approvare la legge senza rinvii
La legge sulla fecondazione assistita va approvata senza rinvii. E' il messaggio che il ministro Carlo Giovanardi invia al Parlamento, sottolineando l'importanza della normativa in discussione al Senato. ''Sono sette anni - ricorda Giovanardi - che il Parlamento sta discutendo il tema della procreazione medicalmente assistita per porre fine alla vergognosa mercificazione, senza regole e senza scrupoli, della procreazione stessa''.
Basilicata
Siglato accordo per la medicina generale
Integrazione ospedale-territorio, potenziamento della medicina territoriale, innovazione tecnologica degli studi, incentivazione dell'associazionismo e della medicina di gruppo. Sono questi i principali punti dell'accordo sottoscritto oggi a Potenza dal comitato regionale per la medicina generale. Secondo l'assessore regionale alla Sanita' e alla sicurezza sociale della Basilicata, Gennaro Straziuso, si tratta di ''un accordo che integra quello gia' firmato nel 2001, non tanto e non per quel che riguarda gli aspetti economici quanto per gli istituti giuridici''.
Scienza
Dermatologia
L'isotretinoina non causa depressione
L'isotretinoina, un farmaco anti-acne, non sembra in grado di determinare l'insorgenza di depressione nel paziente, contrariamente a quanto sostenuto da un'ipotesi allarmante derivata da alcuni casi denunciati. Per dimostrare ciò, è stato esaminato il numero di consumatori incidenti di isotretinoina e antidepressivi, ponendo l'attenzione alla sequenza in cui essi sono stati prescritti e assunti: l'uso di isotretinoina prima dell'antidepressivo avrebbe potuto rappresentare una situazione di causalità Un indice di sequenza significativamente superiore ad 1 avrebbe indicato una correlazione fra il farmaco e la depressione, ma l'indice rilevato è stato di appena 0,96, identico a quello rilevato sostituendo nell'analisi la minociclina (farmaco senza alcuna sospetta correlazione con la depressione) all'isotretinoina. (J Am Acad Dermatol 2003;49:424-432)
Sanità
Denatalità
La Commisione Sanità ha avviato un indagine sul calo delle nascite
Ieri mattina in commissione sanita' del Senato sono stati ascoltati i noti ginecologi Giuseppe Benagiano e Lucio Zichella, entrambi professori dell'universita' La Sapienza. I temi in discussione: nascite in calo, uso della contraccezione, ruolo sociale della donna, esigenza di infrastrutture per le neomamme e un'assistenza sociale attiva da parte dello Stato. La denatalita' italiana - ha detto Benagiano - ha un aspetto unico in Europa le donne infatti sono quelle che utilizzano meno metodi contraccettivi, tuttavia la popolazione tradizionale italiana sta scomparendo e se la curva demografica sale e' solo grazie agli immigrati''. Per quanto riguarda le modalita' del parto i due ginecologi si sono soffermati sulle nascite programmate: ''Siamo di fronte al figlio unico desiderato, - ha affermato Zichella - figlio che deve essere perfetto e tutto questo ha delle ricadute sul parto, l'ostetrico non si sente garantito dalla legge e spesso preferisce ricorrere al taglio cesareo''. ''La gravidanza oggi non puo' correre rischi - ha detto Benagiano - si prescrivono moltissime analisi anche se non servono''.
Scienza
Pneumologia
Asma: assente l'eosinofilia nell'iperresponsività bronchiale
Contrariamente a quanto riscontrato con l'asma sintomatico, l'eosinofilia nel sangue periferico non è coinvolta nell'iperresponsività bronchiale che si osserva negli adolescenti con asma in remissione a lungo termine. Questi pazienti hanno livelli di eosinofili paragonabili a quelli di soggetti sani, ma il loro livello di proteina cationica degli eosinofili (ECP) risulta lievemente superiore. Questi dati sottolineano la rilevanza dell'eosinofilia plasmatica e dell'attivazione degli eosinofili nell'asma attivo contrariamente all'asma in remissione, e sottolineano l'importanza della distinzione fra asma ed iperresponsività bronchiale. (Ann Allergy Asthma Immunol 2003;91:297-302)
Gastroenterologia
Gastroenterite infettiva connessa alla sindrome del colon irritabile
Sussiste un collegamento fra la gastroenterite infettiva e la sindrome del colon irritabile. Sintomi attribuibili al colon irritabile infatti compaiono con maggiore facilità dopo una gastroenterite infettiva, anche dopo aver escluso con cura tutti i pazienti che soffrono di un qualche disturbo gastrointestinale preesistente. La proporzione di pazienti che continuano ad avere disturbi intestinale permane intatta dopo 3-6 mesi, il che indica che i sintomi da colon irritabile osservati hanno buone probabilità di permanere a lungo. In generale, dopo una gastroenterite infettiva la sindrome del colon irritabile può essere osservata nel 16,7% dei pazienti, ed il 5,6% dei pazienti soffrono di diarrea funzionale. (Am J Gastroenterol. 2003;98 (9):1970-1975)
Immunoematologia
Sindrome antifosfolipidica: a che dosaggio somministrare il warfarin?
Molti pazienti con anticorpi antifosfolipidi ricevono warfarin in dosi tali da ottenere un INR minimo pari a 3. Il warfarin ad alta intensita (INR 3,1-4) però non risulta superiore a quello ad intensità media (INR 2-3) per la tromboprofilassi dei pazienti con tali anticorpi ed una storia di trombosi (10,7% vs 3,4%: tasso di rischio nel paziente con warfarin ad alta intensità = 3,1 CI 95% 0,6-15). Il basso tasso di trombosi recidivante fra i pazienti in cui il target di INR è di 2-3 suggerisce che il warfarin a media intensità è appropriato nei pazienti con sindrome antifosfolipidica. Il rischio di emorragie maggiori è simile fra i due trattamenti (tasso di rischio = 1 CI 95% 0,2-4,8). (N Engl J Med vol.349: 1133-38)
Neurologia
Stress e sclerosi multipla: quale il legame?
Gli eventi stressanti sono stati collegati con un aumento delle riacutizzazioni della sclerosi multipla recidivante-remittente. Anche le infezioni sono in grado di aumentare la frequenza delle riacutizzazioni, fino a triplicarle, ma questo effetto risulta indipendente da quello dello stress. Questa correlazione è indipendente dall'effetto scatenante delle infezioni sulla sclerosi multipla. Secondo l'analisi della regressione con variabili tempo-dipendenti, l'evenienza di un evento stessante è associato ad un tasso di riacutizzazioni doppio rispetto alla norma nelle 4 settimane susseguenti l'evento (RR = 2,2 CI 95% 1,2-4 P = 0,014). (BMJ 2003;327:646)