Senato: i provvedimenti all'esame della Igiene e Sanità

Questa settimana l'aula del Senato esaminerà il Ddl 1514 sulla procreazione medicalmente assistita. Il testo è già stato approvato dalla Camera e in sede referente i senatori della maggioranza hanno respinto i tentativi dell'oposizione di rivedere l'articolato. Il Disegno di legge dovrà comunque tornare all'esame di Montecitorio perché la Igiene e Sanità ha dovuto accettare delle modifiche richieste dalla Commissione bilancio. L'idea è quella di giungere al voto finale entro la fine dell'anno. Il testo disciplina le pratiche della fecondazione artificiale, vietando quella eterologa e prevedendo sanzioni per quei medici che non rispetteranno le disposizioni.

Prossimo anche il via libera definitivo del Senato al Ddl 2379 che modifica la legge 120 del 2001, consentendo l'uso dei defibrillatori semiautomatici da parte di personale paramedico specializzato in ambito ospedaliero. La commissione Igiene e Sanità esaminerà il provvedimento oggi pomeriggio in sede deliberante.
La stessa Commissione ha in programma il seguito dell'esame della normativa che prevede incentivi allo sviluppo del mercato dei farmaci generici nonché dei numerosi Ddl per la tutela delle persone affette da malattie rare e per lo sviluppo dei cosiddetti "farmaci orfani", quelli utili alla cura di malattie che colpiscono un numero esiguo di persone. All'ordine del giorno, inoltre, il seguito dell'indagine conoscitiva sul fenomeno della denatalità e sui problemi connessi a gravidanza e parto.

In settimana riprenderà l'esame del Ddl 1310 che modifica il principio della irreversibilità  delle scelte dei medici portando ad una totale abolizione delle disposizioni che pochi anni fa avevano introdotto il tempo pieno per i medici dirigenti che avevano optato di lavorare negli ospedali pubblici.

Giovedì la commissione bicamerale per l'Infanzia è convocata per avviare l'inchiesta sulla copertura vaccinale dei bambini e sull'ospedalizzazione di quelli affetti da malattie infettive.