Spesa farmaceutica: in calo del 9,2% nei primi sei mesi dell'anno


Nel primo semestre 2003 la spesa farmaceutica a carico del Ssn ha registrato una riduzione del -9,2% rispetto allo stesso periodo del 2002: il dato Ŕ stato reso noto oggi dalla Federfarma che per giugno documenta una riduzione del 4,6% della spesa netta e una contrazione del 5,8% del numero delle ricette rispetto allo stesso mese dello scorso anno.

Il dato conferma il proseguimento del trend calante della spesa in atto a partire da gennaio e lascia prevedere - secondo Federfarma - una spesa a consuntivo 2003 decisamente inferiore a quella del 2002.

"La spesa nel mese di giugno - rende infatti noto un comunicato appena diffuso dalla federazione delle 16mila farmacie privatre italiane - Ŕ diminuita (-4,6%) meno di quanto avvenuto nel periodo gennaio-maggio (-10%) perchŔ  giÓ a partire dal mese di maggio il confronto  viene effettuato con mesi del 2002 in cui erano giÓ state introdotte misure che riducevano la spesa. Tali misure, quali la riduzione dei prezzi del farmaco e il ticket in diverse Regioni, sono ancora in vigore".

In particolare in giugno:
- la spesa a carico del Ssn si Ŕ attestata a 892.184 milioni di euro (-4,6% rispetto al giugno precedente);
- sono state prescritte 34 milioni 856mila ricette (-2,7%); 
- sono state prescritte in media 0,60 ricette per ogni cittadino;
- il valore medio netto di una ricetta Ŕ stato pari a 25,60 euro;
- l'incidenza media del ticket sulla spesa lorda Ŕ stata del 5,1%.

Nel periodo gennaio - giugno 
- la spesa a carico del Ssn si Ŕ attestata a 5 miliardi 630 milioni di euro (-9,2% rispetto allo stesso periodo del 2002);
- sono state prescritte 224 milioni di ricette (-5,8%);
- sono state prescritte mediamente 3,86 ricette per ogni cittadino (-6%);

"I dati di giugno - si legge nel comunicato dei titolari di farmacia - indicano il proseguimento del trend calante della spesa in atto da gennaio. In maggio e in giugno il calo della spesa Ŕ pi¨ attenuato rispetto al periodo gennaio-aprile in quanto il confronto Ŕ effettuato con mensilitÓ 2002 nelle quali era giÓ in vigore la riduzione dei prezzi (del 5% dal 18 aprile 2002, portata al 7% dal 16 gennaio 2003) e nelle quali varie Regioni avevano giÓ iniziato a applicare il ticket.

Nei prossimi mesi continueranno a produrre un effetto di contenimento le misure applicate sia a livello nazionale (riduzione dei prezzi al 7% e revisione del prontuario dal 16 gennaio, rimborso di riferimento) che regionale (ticket). BenchŔ alcune Regioni abbiano attenuato l'impatto dei ticket e notizie su possibili interventi nel settore possono determinare aumenti dei consumi, Ŕ  prevedibile che la spesa farmaceutica nel 2003 sarÓ nettamente inferiore a quella del 2002".